Continuano ad arrivare segnalazioni di avvisi di scuole che chiedono prove o titoli non conformi alle indicazioni ministeriali. Questa volta parliamo del Liceo Scientifico di Andria.

Nell'avviso, il dirigente scolastico ha trasformato il colloquio in un vero e proprio esame, durante il quale il candidato dovrà simulare "un intervento didattico della durata di 15 minuti su un argomento a scelta".

In questo caso, come in altre scuole, il dirigente ha costituito anche una commissione giudicatrice, formata da "un gruppo di docenti di ruolo in servizio presso" l'istituto.

... Continua la lettura

una partigiana PSP scrive al Corriere della Sera

Gent.mo Dir. Fontana,

sono una docente napoletana (con 30 anni d’insegnamento tra liceo ed università, due lauree ed un PhD, e sono docente formatore TFA di docenti) e le scrivo per mostrare il mio dissenso verso gli articoli del dott. Stella, per il continuo “stigma” che  propone quando scrive degli insegnanti.

E’ un continuo attacco su tutti i fronti a questa categoria, che come tutte le altre categorie annovera persone molto capaci, professionisti seri e competenti, ed anche persone meno capaci.

Vogliamo parlare dei medici, degli ingegneri, degli infermieri, dei giornalisti, dei politici? Sparare nel mucchio non è etico. Io ho letto le domande del concorso, e per la mia classe di concorso A18 (Scienze Umane) erano veramente inqualificabili.

La protesta per i trasferimenti presunti scriteriati nella scuola. Gli insegnanti agrigentini scrivono una lettera al presidente della Repubblica, Mattarella.

Dopo il corteo di protesta di venerdì scorso ad Agrigento, che si è concluso innanzi all’Ufficio scolastico provinciale, alcuni insegnanti hanno scritto così al presidente Sergio Mattarella : “Le scriviamo per condividere il disagio che i docenti del meridione d’Italia, vittime di una ingiustizia, stanno vivendo.

... Continua la lettura 

Dopo un anno di Buona Scuola, di piano straordinario di assunzioni e di mobilità straordinaria suddivisa in quattro fasi, si prevede un anno scolastico di “supplentite record”. Ormai l’anno scolastico 2016/2017 è alle porte, fra meno di 10 giorni si parte in quasi tutte le scuole con il primo Collegio dei docenti. Giovedì 1 settembre 2016 moltissimi docenti neoassunti e trasferiti negli ambiti territoriali con la mobilità 2016/2017 dovranno prendere servizio nella scuola dove, per il prossimo triennio, sono stati incaricati.

Infatti, la novità di quest’anno, dovuta all’applicazione del comma 80 dell’art.1 della legge 107/2015, è che i titolari di ambito vengono incaricati per un triennio dal dirigente scolastico di una scuola dell’ambito.

... Continua la lettura

 

Cara Signora Giannini, sono una studentessa italiana. I miei professori quest’anno a scuola mi hanno spiegato come è nato lo Stato moderno, mi hanno insegnato su quali presupposti si basa il Paese in cui vivo.

In particolare il mio professore di storia e filosofia mi ha ripetuto fino allo sfinimento un concetto fondamentale: la democrazia si misura sulla tutela che si fa delle minoranze. È un bel concetto, fa immaginare uno Stato accogliente, pronto ad ascoltare la voce di più deboli e a proteggerli.

Tutto ciò mi veniva spiegato approssimativamente a Febbraio. Qualche mese dopo, precisamente il 29 Luglio, lo Stato in cui vivo ha tradito sé stesso, dimostrandomi che in realtà le minoranze non vengono minimamente tutelate. Ciò a cui mi riferisco é ovviamente la situazione dei docenti coinvolti nella mobilità straordinaria di quest'anno.

... Continua la lettura