Il tribunale di Salerno sospende il trasferimento di una insegnante al nord.

Si tratta di un primo caso, documentato da “Il Mattino”, in cui il giudice del lavoro a seguito di un ricorso emette un’ordinanza sospensiva, basata dunque su carattere d’urgenza, dà ragione ad una insegnante vittima della mobilità dal sud Italia che si è fermamente opposta all’esodo al centro-nord. Si profila pertanto l’ipotesi di un suo clamoroso riavvicinamento dalla Emilia Romagna, destinazione indicata dal MIUR.

L'USR attende le motivazioni dell'ordinanza, ma non potrà fare a meno di non prendere atto della sospensiva.

In attesa della conclusione dell’iter di giudizio potrebbe costituire un precedente non certo di poco conto che potrebbe fare giurisprudenza ed offrire una speranza in più per decine di migliaia di docenti coinvolti nel maxi esodo degli ultimi giorni.

fonte: http://ilmattino.it/salerno/stop_del_giudice_al_trasferimento-1943169.html

 
Tra oggi e domani circa 30.000 insegnanti si muoveranno dalle regioni del sud Italia verso destinazioni loro assegnate al nord dalla procedura informatica del MIUR, senza conoscere i criteri da questa applicati. Soltanto adesso, tra oggi e domani, centinaia di migliaia di loro familiari, genitori, figli, nipoti, fratelli, sorelle insieme ai loro più cari amici realizzeranno quanto sta realmente accadendo.
 
Il Partito Democratico, nel frattempo, sceglie come sede della sua festa proprio il sud, più precisamente la Sicilia, la più penalizzata, dove l’anno venturo si svolgeranno le elezioni regionali. Sono state organizzate due settimane di eventi al parco comunale Villa Bellini di Catania, il cui accesso però non è consentito a tutti, ma soltanto a persone “gradite”. All'esordio, nonostante meticolosi controlli, subito contestazioni per Graziano del Rio che ha aperto la manifestazione.
 
Tra pochi giorni, il 1 settembre, è prevista anche la presenza del Ministro Giannini e del sottosegretario Faraone, si dice probabile candidato alle regionali in Sicilia. Giorno 1 settembre, quando non ci saranno più quei 30.000 insegnanti oggetto di trasferimento poiché, per pura coincidenza, nella stessa giornata dovranno prendere servizio altrove.
 
Più che confronto o contraddittorio, quindi, una passerella dinanzi ad una platea consenziente, in una blindatissima Villa Bellini.
 
Preparo le valige insieme a mia moglie mentre riceviamo un fiume di telefonate, centinaia di testimonianze di solidarietà per quanto sta accadendo ma soprattutto di deciso contrasto con le folli scelte del governo.
 
Nonostante giornali e tv tacciano, sorrido. Al contrario di qualcuno ho una grande consapevolezza: qualcosa sta cambiando.

Alle manifestazioni organizzate dagli insegnanti destinatari dei provvedimenti di trasferimento conseguenti alla mobilità straordinaria prevista dalla Legge 107 ed alle successive richieste, alcuni USR del sud stanno rispondendo con iniziative ideate per provare a ridurre i disagi. A Palermo si sono concluse in questi giorni le trattative con le OO.SS. che hanno portato alla redazione di un contratto integrativo che si sostiene potrebbe contribuire a limitare l’esodo grazie alle assegnazioni provvisorie.  E’ stata concordata infatti, la possibilità di utilizzazione degli insegnanti nel sostegno anche senza il previsto titolo di specializzazione, in subordine comunque ai possessori di titolo, in Sicilia sembrano esserci quasi 5.000 posti. L’opportunità è riservata a coloro che hanno già presentato domanda di assegnazione provvisoria che dovranno inviare, a integrazione, dichiarazione di disponibilità nei termini indicati dall’USR negli ambiti territoriali delle provincie siciliane.

Lutto all'Ipsia di Castelfranco per la tragica scomparsa di Carmelo Lo Monaco, 45 anni: l'insegnante si è tolto la vita mentre si trovava in congedo con la moglie

 

 ... Continua la lettura

 Caos trasferimenti scolastici, in 60 presentano richiesta di “conciliazione”. Nel vortice delle anomalie che gli insegnanti sostengono si sarebbero venute a creare al momento dell'assegnazione delle sedi sulla scorta del sistema informatico e dell'algoritmo utilizzato a livello centrale per assegnare i posti di ruolo dal Miur, sono finiti anche docenti destinati alla provincia di Venezia, e che provengono per la maggior parte dal Centro-Sud.

... Continua la lettura